(leggi post precedente)
Planet Hope

È con sollievo che possiamo ora riportare le vicende del terzo e ultimo pianeta nell’universo parallelo, Esperòpia. La crisi e la lenta crescita economica nei Paesi occidentali durarono più anni del previsto, quasi dieci, ma alla fine il motore del capitalismo riprese a funzionare e le economie del mondo trovarono un nuovo equilibrio. Gli americani continuarono ad aumentare la base monetaria, seppur non in maniera spropositata, generando inflazione e svalutazione del dollaro; ricchi e banchieri dovettero bere un pò meno champagne e la crescita nominale del PIL diluì nel tempo il peso del debito in termini reali. Fu l’ ultima volta che l’ America si salvò stampando soldi, perchè nel 2025 il dollaro perse lo status di moneta di riserva e fu sostituito da un basket di valute con predominanza del renmibi.  Repubblicani e Democratici formarono un governo di grande coalizione che varò un piano decennale di investimenti per ammodernare le scadenti infrastrutture americane e per creare milioni di posti di lavoro. La Cina fece una scelta simile e costrinse gli imprenditori a occuparsi di più della produzione per soddisfare la domanda interna, stimolata da prestiti bancari, misure di welfare e investimenti, invece che di quella orientata all’ export. L’ Europa riuscì a salvare l’ euro e a consolidare nel tempo meccanismi intragovernativi per il miglior coordinamento delle politiche economiche e fiscali. L’ evento che accelerò tali processi fu il default della Grecia, che abbandonò poi la moneta unica. I tedeschi decisero di non salvare gli ellenici, che continuavano a dimostrarsi non collaborativi, per statuire un esempio a Italia e Francia di cosa poteva accadere anche a loro. Il messaggio venne recepito, cadde immediatamente il governo italiano e fu chiesto a Mario Draghi di tornare per guidare il paese.  L’ Italia adottò un programma di riforme strutturali e di rilancio economico di tale successo da cambiarne definitivamente l’ immagine agli occhi del mondo. Vent’ anni dopo, nessuno si ricordava più i nomi delle persone che avevano governato il Belpaese nella prima decade del secondo millennio.

Chissà se davvero la funzione dei buchi neri è quella di collegare universi paralleli. Attenzione a non entrare in quello sbagliato.